Fare impresa

Meccatronica

Fino all’anno 2012, le imprese operanti nel campo dell’autoriparazione vedevano distinte le due attività di “meccanica motoristica” ed “elettrauto”; ora esiste una nuova ed unica sezione denominata "meccatronica".

COSA FARE PER

Le imprese che in precedenza erano abilitate per l’attività di meccanica motoristica o di elettrauto possono proseguire le rispettive attività fino al 5 gennaio 2023, con l’impegno a frequentare con esito positivo un corso professionale istituito dalla Regione, limitatamente alle discipline relative all'abilitazione professionale non posseduta.

Nel dettaglio:

  1. le imprese che alla data di entrata in vigore della nuova normativa (05/01/2013) risultavano già abilitate sia alle attività di meccanica e motoristica sia a quella di elettrauto, ai sensi dell'articolo1, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 122, sono abilitate di diritto allo svolgimento della nuova attività di meccatronica;
  2. le imprese che alla data di entrata in vigore della nuova normativa (05/01/2013) risultavano abilitate sia all'attività di meccanica/motoristica sia a quella di elettrauto (ai sensi dell'articolo 1, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 122) in forza di due responsabili tecnici, di cui uno abilitato alla meccanica-motoristica e l’altro a quella di elettrauto, nell’eventualità che uno dei due responsabili tecnici cessi dalla propria carica, saranno obbligate a far frequentare, con esito positivo, al responsabile tecnico superstite il corso professionale istituito dalle Regioni, limitatamente alle discipline relative all'abilitazione professionale non posseduta. In mancanza di ciò, e una volta decorsi i dieci anni successivi al 05/01/2013, il soggetto non può essere preposto alla gestione tecnica dell'impresa. Nel caso l’impresa scelga di sostituire il responsabile tecnico cessato, il nuovo responsabile tecnico nominato dovrà essere in possesso dei requisiti richiesti per lo svolgimento dell’attività di meccatronica;
  3. le imprese che alla data di entrata in vigore della nuova normativa (05/01/2013) risultavano abilitate alle attività di meccanica e motoristica o a quella di elettrauto, ai sensi dell'articolo 1, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 122, possono proseguire le rispettive attività per i dieci anni successivi alla medesima data. Entro tale termine, le persone preposte alla gestione tecnica delle predette imprese, qualora non siano in possesso di almeno uno dei requisiti tecnico-professionali previsti per lo svolgimento delle attività di meccanico-motoristica ed elettrauto, ai sensi dalle lettere a) e c) del comma 2 dell'articolo 7 della citata legge n. 122 del 1992, devono frequentare con esito positivo il corso professionale di cui alla lettera b) del medesimo comma 2, limitatamente alle discipline relative all'abilitazione professionale non posseduta. In mancanza di ciò, decorso il medesimo termine, il soggetto non può essere preposto alla gestione tecnica dell'impresa;
  4. le imprese che alla data di entrata in vigore della nuova normativa (05/01/2013) sono abilitate alle attività di meccanica e motoristica o a quella di elettrauto, ai sensi dell'articolo 1, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 122, con persone preposte alla gestione tecnica, anche se titolari dell'impresa, che abbiano già compiuto cinquantacinque anni alla data di entrata in vigore della nuova normativa, possono proseguire l'attività di meccanica motoristica o elettrauto fino al compimento dell'età prevista, ai sensi della disciplina vigente in materia, per il conseguimento della pensione di vecchiaia.

Alla luce di quanto sopra evidenziato, si ricorda pertanto, alle imprese di autoriparazione abilitate alle attività di meccanica motoristica o a quella di elettrauto che c’è tempo fino al 5 gennaio 2023 per regolarizzare la posizione del titolare/legale rappresentate/responsabile tecnico.
Ognuno dei soggetti sopra indicati in possesso dei requisiti per la sola meccanica motoristica o per la sola elettrauto entro tale termine dovranno aver frequentato positivamente il corso e pertanto richiedere l’abilitazione della sezione della meccatronica; in caso di mancata regolarizzazione di procederà con la cessazione d’ufficio degli stessi ed eventuale esercizio dell’attività.

Qualora entro tale periodo le imprese non abbiano provveduto a regolarizzarsi, le stesse non potranno proseguire le singole attività di meccanica motoristica o elettrauto con il conseguente avvio del procedimento di divieto di prosecuzione dell’attività.

Modalità di presentazione dell’istanza di regolarizzazione
L'istanza di regolarizzazione dovrà essere effettuata tramite la presentazione di apposita pratica telematica (I2/S5/UL) nella quale sarà comunicato l'inizio dell'attività della meccatronica con data di effetto quella della presentazione della pratica e allegando il modello denominato "regolarizzazione meccatronica".

COSTI

  • ditte individuali: 18,00 euro per diritti di segreteria
  • società: 30,00 euro per diritti di segreteria

NORMATIVA

  • L. 05.02.1992 n. 122, art. 1 e ss.mm.ii.
  • L. 11.12.2012, n. 224

MODULISTICA

 

A CHI RIVOLGERSI

Albo Imprese Artigiane
(Contatti telefonici attivi da lunedì a venerdì, festivi esclusi, dalle ore 11:30 alle 12:30 per problematiche complesse registro imprese e albo imprese artigiane)
Udine: Tel. 0432 273267 - e-mail: artigiani.ud@pnud.camcom.it
Pordenone: Tel. 0434 381710 - e-mail: artigiani.pn@pnud.camcom.it

Conservatore dirigente responsabile: Emanuela Fattorel

Orario di apertura al pubblico
» vai alla pagina

Seguici sui social!
» vai alla pagina

Iscriviti alle nostre newsletter!
» vai alla pagina

Resta aggiornato con gli RSS!
» vai alla pagina

 

Data di Aggiornamento

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Cookie Policy